Vanilla Sky

Intervista ESCLUSIVA! Vanilla Sky per The Metal Up!

Giacomo Voli!

Solo per voi: l'intervista allo strepitoso Giacomo Voli

DESTRAGE

Di seguito la Strepitosa Intervista fatta ai DESTRAGE!!!

BLASTEMA

L’intervista a una delle migliori realtà Italiane!

Intervista ai DESMA

Di seguito l'intervista esclusiva fatta ai DESMA

Notizie più Recenti!


1) Ciao chi siete? E da dove deriva il nome della vostra band?

I Sin' Sound nascono dalle ceneri di altri progetti che, per 15 anni (fino al 2006), si sono succeduti nella cantina a Travagliato (l'underground del titolo) del batterista Roberto Micheletti. Da segnalare, fra gli altri, i Casbah (Zugno Francesco e Micheletti Roberto fra i membri originali) che facevano rock alternativo con liriche italiane di Rango Enrico. Dopo di chè fu il turno dei Synaesthetic Sound che inaugurarono la “svolta inglese” (anche Meleddu Flavio fra i membri) su liriche  di Angela Kinczly (dai quali sono stati recuperati due pezzi del nostro debut album). Dopo qualche anno di “fermo biologico” si sono formati i Sin' Sound che dal 2006 portano avanti il loro progetto e che dopo 3 demo finalmente hanno portato alla luce le memorie musicali dal loro sottosuolo. Il nome Sin' Sound sta suono del peccato, ma anche suono sinestetico, sintetico, sinaptico, singolare, ecco il perché dell'apostrofo dopo la parola sin'.

2) Cosa rappresenta per voi la musica?

Il collante della nostra amicizia. Il leit motiv di una vita passata in cantina a scorrere insieme alla vita e a consumarci come le puntine dei dischi.

3) Le vostre influenze musicali?

A mio avviso i The Doors e i Led Zeppelin anche se nelle recensioni vengono sempre citati, a ragione, i Black Sabbath.
Noi siamo cresciuti col sound rock dei 70's. ma col tempo abbiamo amato anche altri generi. Anche il rimando ai Rare Earth secondo me è innegabile. Amiamo molto anche le sonorità più mistiche dei Dead Can Dance e la lisergicità dei Pink Floyd.

4) Quali sono secondo voi le caratteristiche fondamen tali di un musicista per essere tale?

Deve avere il ritmo dentro. Anche nella vita in generale si intende. Testa e cuore che pulsano
Emozioni invece di un mero esecutore di note








5) Come gestite le registrazioni in studio?

Suoniamo il pezzo tutti insieme per non perdere la magia che si crea durante le prove.
Poi si sovraincidono voci, ottoni e assoli e effetti vari. Per la resa del suono ci siamo affidati
Completamente alle capacità dei fratelli Poddighe che hanno guidato le nostre session in studio.

6) Da quanto tempo suonate e cosa vi ha ispirato?

La line up attuale è del 2007. ma le esperienze musicali nel nostro covo, come detto precedentemente, cominciano ben prima. Ci ha ispirato principalmente la musica rock degli anni 60/70 ma abbiamo sentito già dall'età dei 16/18 anni di voler proporre pezzi nostri.

7) A chi vi ispirate e che musica ascoltate?

Ascoltiamo i generi più disparati. Calcola che siamo in 7 elementi e quindi si spazia molto.
Ascoltiamo pink floyd, dead can dance, the doors,  solo per citarne alcuni.

8)  Quanto pensate influiscano i download per la musica oggi?

Si è perso molto dal punto di visto tattile. Nel senso che non c'è più l'emozione dell'acquisto
e della venerazione del supporto musicale vero e proprio (dal vinile al cd). Ma ora funziona così. Si “scarica”. Se poi lo si fa legalmente è positivo anche per la band.


9) Cosa ne pensate della musica italiana e straniera d'oggi?

Sembra ancora ferma alle solite dinamiche, almeno per quanto riguarda i grandi nomi. La scena alternativa dei piccoli nomi invece è molto variopinta e assolutamente talentuosa soprattutto nella nostra provincia. Anche se ora, putroppo, si stanno riducendo i locali in cui esprimere i propri lavori.

10) Per i vostri testi preferite argomenti in particolare o vari?

L'album è una specie di contest che si apre con la celebrazione dell'apatia che contraddistingueva il nostro mood prima della nascita di questa band. Prosegue poi con la concezione di un viaggio musicale e comincia veramente con l'introduzione e la conseguente “>From the underground” che descrive poeticamente la dinamica del comporre e la difficoltà di imprimere alla perfezione nei testi le sensazioni che si provano in quel momento. Da lì in poi si dipanano gli altri pezzi che riguardano riflessioni sulla band, sul mondo e sulla vita e dell'evoluzione  (o involuzione) nel tempo di tutte queste cose.

11) C'è qualche canzone che vi descrive o che vi piace particolarmente?

La title track sicuramente per i motivi di cui alla domanda precedente, per il resto riteniamo tutti i pezzi ugualmente fondamentali e rappresentativi del nostro sound. Menzione particolare per “I really like you're back” e Preparing the journey” per il fatto che riescono ad entusiasmare anche quel pubblico non proprio avvezzo alle dinamiche “più a tinte fosche” del resto dell'album, mentre “Easy escape from reality” e “Mr. Goodbye” più si avvicinano alle nuove trame che si stanno delineando per la realizzazione del nuovo album che andremo a registrare a maggio agli Atomic Stuff studio di Isorella.


12)  Prossimi lavori in cantiere o progetti per il futuro?

Siamo principalmente concentrati sulla realizzazione del secondo album. E quindi stiamo sfruttando tutto il tempo disponibile per lavorarlo al meglio. Sicuramente faremo dei live, ma preferibilmente pochi e più di qualità. C'è anche da trovare tempo per interviste (che stanno arrivando), aggiornamento siti e vendita dischi presso tutti gli amici e appasionati che continuamente ne fanno richiesta.

13) Un consiglio che vorreste dare a band e cantanti emergenti

Cioè un consiglio per noi stessi? Uhuh … direi di essere cio' che si è e di suonare cio' che piace e che riesce con fluidità. Puo' sembrare banale ma è importante focalizzare il rapporto che si ha con la parola “compromesso” inteso verso l'esterno. Se il rapporto è pressochè nullo è buona cosa. Se invece quella parola riguarda i componenti delle band e lo stare insieme. Beh allora è esattamente il contrario.

14) Bene abbiamo concluso vi lascio un piccolo spazio per dire qualcosa ai nostri visitatori 

Grazie The Metal Up!!! Ai lettori auguro buone feste. E se volessero fare un regalo originale … credo abbiano già capito…. Happy new year…… Sin' Sound - from the underground





Sponsorizzati Qui


↑ Torna Su ↑