Vanilla Sky

Intervista ESCLUSIVA! Vanilla Sky per The Metal Up!

Giacomo Voli!

Solo per voi: l'intervista allo strepitoso Giacomo Voli

DESTRAGE

Di seguito la Strepitosa Intervista fatta ai DESTRAGE!!!

BLASTEMA

L’intervista a una delle migliori realtà Italiane!

Intervista ai DESMA

Di seguito l'intervista esclusiva fatta ai DESMA

Notizie più Recenti!

Di seguito l'intervista alla band romana Blooming Iris, che ci parla del nuovo album e del tour da supporto....



TheMetalUp - Salve ragazzi, innanzitutto presentatevi...

 Blooming Iris - Ciao a voi ragazzi, noi siamo i Blooming Iris, un gruppo prima di amici e poi di musicisti. Abbiamo iniziato a suonare insieme al liceo, la musica era un valido deterrente per non studiare…poi è diventata l’unico nostro grande obiettivo e la nostra passione.

TheMetalUp - Parlateci un po’ del vostro album, cosa vi ha ispirato per i testi?

Blooming Iris -  Abbiamo inserito tutto quello che ci accadeva o ci è accaduto. Parliamo di amore, di persone che non fanno più parte della nostra vita, della famiglia, del futuro. Ci siamo resi conto, a distanza di tempo, che i nostri pezzi riguardano tutte cose che avevamo o che non abbiamo mai avuto e questo ci intriga abbastanza, in un certo senso stiamo ancora cercando di capire cosa voglia dire per noi. Forse viviamo in uno stato di nostalgia perenne.

TheMetalUp - Come procede il tour?

Blooming Iris -  Il tour è andato alla grande. Abbiamo suonato in posti bellissimi e conosciuto persone davvero fantastiche. Non vediamo l’ora di ricominciare a suonare fuori!

TheMetalUp - La cosa che vi ha convinto ad iniziare a suonare e a formare una band?

Blooming Iris -  Abbiamo iniziato a suonare un po’ per caso. Ognuno di noi aveva progetti differenti, tutti frequentavamo lo stesso liceo. Le nostre strade ad un certo punto si sono incontrate, non sappiamo nemmeno noi come, in realtà. Sentivamo una grandissima sinergia tra di noi e questo ci ha tenuti insieme per tutto questo tempo, facendoci capire che avevamo per le mani qualcosa di davvero davvero speciale.

TheMetalUp - Le vostre influenze principali?

Blooming Iris -   Non abbiamo influenze principali, solo grandi artisti che ci hanno fatto aprire gli occhi su quello che noi potevamo realmente fare. Questi artisti sono gli Alt-J, Saint Vincent, The XX, Aluna George, Radiohead, James Blake e tanti altri, la lista è davvero infinita.



TheMetalUp - Quanto è importante per una band internet ed i vari social, oggi?

Blooming Iris -    Purtroppo i social hanno un loro peso nell’immagine di una band oggi. Diciamo purtroppo perché a nostro avviso ci si dovrebbe concentrare in primis sulla musica, poi su tutto il resto. Oggi c’è la tendenza a gonfiare ogni cosa prima di ascoltare effettivamente la musica di un artista, partendo già prevenuti, sia in modo positivo che negativo. Purtroppo a volte i social possono farci perdere lo spirito critico e possono facilmente manipolarci. Non sempre è bene che tutti, ma davvero tutti, possano esprimere la loro opinione.

TheMetalUp - Il vostro sogno nel cassetto?

Blooming Iris -    Vivere solo di musica.



TheMetalUp - La cosa più importante per un musicista?

Blooming Iris -    È sicuramente scrivere tanto, suonare tanto e cercare una propria identità, senza aver paura di sperimentare e cambiare.

TheMetalUp - Lo sappiamo tutti che è un periodo difficile per la musica, specialmente per le nuove band, che hanno difficoltà ad emergere. Cosa vi sentite di dire ai ragazzi che come voi, vogliono intraprendere la strada musicale?

Blooming Iris -    Per quel poco di esperienza che abbiamo accumulato (saremmo noi a necessitare di consigli in realtà) possiamo dire di concentrarsi solo su questo, se davvero si vuole emergere. È una bugia che la musica non paga, ma bisogna sudarsi ogni traguardo e porsi costantemente nuovi obiettivi. Magari meno sabati sera in giro e più nottate passate a fare musica possono essere un buon incipit.

TheMetalUp - Con questa domanda, abbiamo concluso. Vi lascio uno spazio per dire ciò che volete ai nostri lettori.....

Blooming Iris -     Se per caso vi imbattete in un disco che si chiama Amondawa, gustatevelo in maniera lenta e perdetevi tra le ritmiche e le armonie. Alla fine del viaggio fermatevi a riflettere, magari vi sentirete di avere qualcosa in più rispetto a prima. In tal caso, ne saremmo davvero felici.






Sponsorizzati Qui


↑ Torna Su ↑