Vanilla Sky

Intervista ESCLUSIVA! Vanilla Sky per The Metal Up!

Giacomo Voli!

Solo per voi: l'intervista allo strepitoso Giacomo Voli

DESTRAGE

Di seguito la Strepitosa Intervista fatta ai DESTRAGE!!!

BLASTEMA

L’intervista a una delle migliori realtà Italiane!

Intervista ai DESMA

Di seguito l'intervista esclusiva fatta ai DESMA

Notizie più Recenti!


A pochi giorni dall’esibizione sul palco di alcuni gruppi di heavy metal, il concerto previsto per sabato al parco di via Tiepolo di Camisano è stato sospeso dal Comune. E sul web è scoppiata la protesta. Il sindaco Renzo Marangon spiega così: «La settimana scorsa con l’autorità di pubblica sicurezza abbiamo raccolto i dati e l’abbiamo sospeso». Insomma, ragioni di pubblica sicurezza avrebbero indotto il primo cittadino a mandare all’aria l’evento dal titolo «Spring of metal festival», non questioni legate alle suggestioni che, a volte, il genere musicale potrebbe provocare. «Quei gruppi - precisa Marangon - piacciono anche a mio figlio». Dalle 18 avrebbero dovuto scaldare l’ultimo sabato di maggio a Camisano sei band vicentine («Kani», «Sin of redemption », «Hos», «Lunar Explosion», «Yoyless Jokers», «Hyde») e due da fuori regione: i «Necrodeath» di Genova e i «National suicide» di Trento. Nomi questi ultimi che evocano la morte (death) e il suicidio (suicide), ma che secondo le voci che si sono espresse in rete non avrebbero a che fare con pratiche necrofile o sataniche.

In molti si sono voluti esprimere su Facebook a favore del concerto: è stata lanciata una petizione e qualcuno ha proposto di scrivere e-mail all’amministrazione comunale e all’assessore alle Politiche Giovanili Bruna Angela Sigola, che sul fatto tiene la stessa linea del sindaco. Secondo alcune voci il festival avrebbe richiamato circa due migliaia di appassionati per una serata all’insegna dell’heavy metal. «Un concerto - scrive un ragazzo su Facebook - è un luogo di ritrovo, socializzazione e scambi di idee fra giovani che sentono di appartenere ad una stessa sottocultura, uno stesso gruppo. Molte volte sono stato a concerti ben più grandi di quello che si sarebbe dovuto svolgere nella sua città, e mai una volta ho visto situazioni pericolose o mi sono sentito in pericolo. A causa di questo gesto molti soldi sono andati buttati e molte persone sono state mobilitate e hanno fatto sacrifici per poi ritrovarsi con nulla tra le mani, almeno su quest’ultimo pensiero si faccia un esame di coscienza».



Sponsorizzati Qui


↑ Torna Su ↑